alex schwazer, merendine al cioccolato e doping.


interrompo la pausa estiva per un pensierino papibulldozeriano.

la prima esperienza con il “doping” non avviene nelle palestre o sulle piste d’ atletica.

la prima esperienza con sostanze stupefacenti non avviene neppure da preadolescenti fuori da scuola, quando per sentirci dei gran fighi accettiamo il primo “cannone”.

avviene da bambini mentre si fa la spesa con la mamma. quando si passa davanti allo scaffale delle merendine al cioccolato. “mamma, mamma me le compri per far merenda? dai, dai le voglio!”.

e le mamme che alla televisione vedono i grandi campioni dello sport che le tirano fuori dal frigo e le offrono ai loro bambini, fratelli e sorelle, perchè non dovrebbero loro stesse fare altrettanto? e soddifare così le voglie zuccherine dei propri figlioletti? ed ecco che due pacchi di “brioscine” finiscono nel carrello. è ovviamente l’ inizio della fine. l’ infanzia sovrappeso e obesa è assicurata, l’ iperattività da eccesso di zucchero diventa cronica come la dipendenza dai dolci tranci industriali.

ora, che atleti olimpionici, che potrebbero tranquillamente accettare di pubblicizzare lamette da barba per “correre più veloci”, accettino invece di testimoniare per “cibi”(?) che loro non mangerebbero mai e tantomeno darebbero ai propri figli lo trovo ipocrita ed estremamante ridicolo.

poi ecco che uno di questi testimonial viene “beccato” alla partenza per le olimpiadi con sostanze fuorilegge, sportivamente parlando, in corpo. così niente olimpiadi. ed è giusto. fine carriera con disonore, un po’ melodrammatico, ma giusto. forse niente più divisa da carabiniere, del resto l’ indossava solo per poter correre e per correre “pulito” era anche pagato. sono d’accordo con tutti questi provvedimenti.

ma che la multinazionale di merendine stracci il contratto proprio ora che il testimonial è nella vita coerente con quel che pubblicizza, ecco, questo è ancora più ipocrita. e mi fa proprio incazzare!

About these ads

2 thoughts on “alex schwazer, merendine al cioccolato e doping.

  1. Il primo doping ce l’hai quando, da piccolo, t’attacchi al capezzolo della mamma e non te ne staccheresti più. Poi, da grande, vaghi per il mondo costantemente alla ricerca di rivivere quella paradisiaca sensazione.
    Come il tizio che comprava un solo preservativo alla volta perché stava cercando di smettere.

    • mmm… quando sei piccolo la “tettarella” è l’ unico mezzo per nutrirsi.
      differente è rimpinzarsi di “mer(en)dine” , che possono essere sostituite con qualcosa di più sano e meno colorato.

      che poi ciucciare un capezzolo crei dipendenza da adulti è un altro discorso, ma almeno non siamo stati influenzati a farlo da un atleta olimpico che ciuccia una tetta industriale alla tv!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...