nord. non è un film leghista, voglio precisarlo.


avete presente il dipinto “le tre età” di klimt? ecco se costui fosse oggi vivo e di nazionalità norvegese, invece di dipingere, avrebbe diretto questo film.

naturalmente non vi svelo la trama, piuttosto come interpretarla.

il viaggio in motoslitta è ovviamente la  metafora d’ un viaggio interiore, alla scoperta di qualcosa che s’ è perso di noi stessi. come ritrovarlo dunque?

con le caratteristiche che contraddistinguono le diverse età dell’ uomo. la curiosità e l’ ingenuità dell’ infanzia, la necessità di condividere esperienze della gioventù. la tranquillità pragmatica della senilità.

caratteristiche rappresentate dai tre personaggi incontrati dal protagonista lungo il suo viaggio tutt’ altro che semplice verso la rinascita, rappresentata dall’ incontro con suo figlio di 4 anni mai visto prima, metaforicamente il suo “io” pronto per rincominciare una nuova vita dopo la consapevolezza acquisita lungo il viaggio.

vi consiglio la visione con una finestra aperta, berretto e sciarpa indossati.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...