leggermente fuori fuoco.


“non c’era più nessunissimo motivo per alzarsi la mattina”.

così inizia e finisce il romanzo-diaro di robert capa, l’ archetipo del fotoreporter di guerra contemporaneo.

perchè andare tra i proiettili fischianti armati solo di macchina fotografica? è voglia di comunicare o spavalderia per sentirsi protagonisti ad ogni costo?

capa spiega molto bene la molla che ti spinge, contro il buonsenso di startene dietro un muro, verso la polvere alzata dallo scoppio  delle granate. ci riesce sia con le parole, meglio ancora con le immagini. sei un soldato della cronaca, e come tutti i soldati ti senti invincibile, ma anche consapevole che forse non muorirai nel tuo letto. che a dirla tutta, è forse l’ unica cosa di cui capa aveva veramente paura. 

un racconto fotografico da leggere e guardare periodicamente, che non perde mai la sua contemporaneità:

http://www3.lastampa.it/fotografia/notizie-brevi/articolo/lstp/399003/

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...