there is always a reason to smile.


ore 16:18… questo sono io. 

quando siamo piccoli, spesso imbazazziamo i nostri genitori.

quando siamo adolescenti, c’ imbarazza essere noi stessi.

quando siamo adulti, sono i genitori ad imbarazzarci qualche volta. e se avremo dei figli, il ciclo si ripete.

la nostra struttura sociale è ovviamente creatrice d’ imbarazzo.

una domanda sorge a questo punto spontanea. è questa una ragione per essere schiavi della vergogna, o semplicemente una ragione in più per una risata liberatoria? 

4 thoughts on “there is always a reason to smile.

  1. la vergogna, quando non è patologicamente «bloccante» è un sentimento naturale, diciamo che in modo più elegante lo chiamiamo pudore

    insomma io penso che sia sano avere un certo equilibro fra faccia tosta e timidezza, giacchè entrambi gli atteggiamenti, portati all’eccesso, ci portano fuori dalla misura, dal rapporto fecondo e dialettico con gli altri, le situazioni, l’ambiente di cui siamo oggetti e soffetti nel contempo

    quindi, l’imbarazzo è parte di noi, basta che non ci sovrasti in modo patologico

    • sono d’ accordo, anche se credo che la paura del ” giudizio della gente” , rimanga comunque al primo posto tra le cause della non-affermazione di se stessi, ancor prima della mancanza di talento o di opportunità.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...