diaz. se lo vedi non dormi.


parto da lontano.

nel 1999 in occasione della “conferenza ministeriale della wto” a seattle si presenta al pubblico di tutto il mondo il movimento “no-global”. la polizia americana non si aspettava certo una mobilitazione ed un successivo caos cittadino di quelle dimensioni, di conseguenza la risposta delle forze dell’ ordine fu piuttosto “blanda” e impreparata, perchè improvvisata.  la critica che il movimento no-global portava avanti era una premonizione: la globalizzazione così com’è porterà nel futuro prossimo ad una crisi ecologica e soprattutto sociale devastante.

sono trascorsi ben 13 anni da allora. con il senno di poi possiamo tranquillamente dire che AVEVANO RAGIONE. nei famosi G8 cosa in realtà stavano decidendo? sicuramente non il bene mondiale a veder bene le conseguenze odierne, e se anche avessero utilizzato qualche ora a parlarne, fu davvero tempo perso.

  due anni dopo seattle, nel 2001, a genova in occasione di uno di quei famosi e inutili (per noi sudditi ovviamente, non per “loro” capoccia) G8 le cose andarono diversamente. eravamo in pieno regime berlusconiano, il quale doveva assolutamente dimostrare al mondo intero il suo “controllo” sulla nazione. i no-global non erano più una sorpresa. il regime era preparato. fece di tutto per trasformare il movimento in “cattivi”, tutti, indistintamente. black-bloc, comunisti rivoluzionari e violenti, anarco-insurrezionalisti. tutto per far passare in secondo piano i motivi della contestazione e manipolare l’ opinione pubblica, che doveva solo accorgersi di una genova messa sotto sopra e data alla fiamme, e non avere dubbi su chi fossero i “cattivi”. quel che accadde in quei giorni e le menzogne che vennero dette rappresentarono perfettamente il governo al potere e il suo “capo supremo”.

le violenze avvenute alla scuola diaz e a bolzaneto a parer mio aveveno anche un altro scopo. dovevano servire come monito per i manifestanti futuri. il messaggio era chiaro: italiani e non, sappiate che se osate interferire e imbarazzare il governo italiano, questo sarà disposto a tutto pur di farvi desistere. ve ne pentirete e lo ricorderete per tutta la vita. ora siete stati avvisati.

gli organi preposti furono accecati da questo progetto dittatoriale, tanto che nella tenaglia punitiva ci finirono turisti e giornalisti. le conseguenze furono un boomerang per tutti quelli che presero parte alla progettazione e alle azioni che si svolsero quella terribile notte. l’ intero corpo di polizia ne venne macchiato in maniera indelebile, questo fu il vero risultato ottenuto.

è ora tutto finito? niente affatto. i processi sono stati ostacolati in ogni modo. il parlamento ha rifiutato di creare una commissione speciale che si occupasse dei fattacci di quella notte alla diaz e delle torture effettuate a bolzaneto. i maggiori colpevoli, quelli che pianificarono la ” mecelleria messicana” e “la notte cilena” sono stati tutti premiati professionalmente e hanno fatto carriera. cari lettori, se credete che l’ italia sia una democrazia, vi state sbagliando di grosso, come al solito. 

la destra politica ha difeso le “braccia” dichiaratamente fascistoidi, mentre la sinistra politica coprì invece i “mandanti”, poichè fu colpevole della loro precedente investitura. ecco perchè nessuna commissione speciale venne votata in parlamento: nessuno schieramento era innocente.

se navigate un po’ sulla rete digitando “processo diaz e bolzaneto” troverete molti nomi dei colpevoli. molti reati sono caduti in prescrizione, molti faranno in tempo a passarci. in tantissimi non pagheranno i loro misfatti… questo non vuol dire che dobbiamo dimenticarci i loro nomi.

dopo la proiezione, non ho dormito. l’ ultima volta mi capitò a 10 anni dopo “la cosa” di carpenter. però allora ero un bambino e il film era pura finzione. ora sono adulto e il film è un  pezzo di storia amara… traete pure le vostre conclusioni, ma dopo esservi informati.

esiste anche un documentario dal titolo “black bloc” .

p.s. la stessa opera di falsificazione e strumentalizzazione nei confronti dei manifestanti avviene in questo periodo in val susa.

4 thoughts on “diaz. se lo vedi non dormi.

  1. di certo, non un film per divertirsi, ma un film per mantenere viva la discusisone su ciò che accadde

    il punto centrale e ritenere se le violenze sono state opera di iniziative individuali o comunque di quadri intermedi, oppure se c’era una volontà politica più ampia, per taluni addirittura internazionale

    io credo un po’ entrambe le cose

    • una volontà internazionale che decide il binario preferenziale di decisioni politiche italiane è testimoniata fin dai moti risorgimentali. su questo non vi è alcun dubbio. i loro nomi però è molto più difficile reperirli.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...