Anskijeghino’ s Blog… papibulldozerizzato.


che poi far satira sui blogger alle volte è fin troppo facile, ti regalano del materiale di prima qualità incosapevolmente. forse. 

vabbè, io lo uso. non offenderti che ti cito e stracito e ricordati che solo il d’ alema ha avuto l’ ardire di denunciare un vignettista. per poi far marcia indietro… 

“Anskijeghino’ s Blog”. sarcastico al 100%. alle volte pungente, altre semplicemente piscia fuori dalla tazza. comunque seguace della strategia dell’ indifferenza, quindi siete avvisati, se gli state sulle balle si limiterà ad un “immaginavo non avresti capito” e stop. capito?

“State bene”

Diegod56′ s Blog… papibulldozerizzato.


benvenuti al nuovo appuntamento settimanale della mia rubrica satirica “blogger papibulldozerizzati”.

sì… vero, è un po’ troppo autoreferenziale ‘sta rubrica di un blogger che “svignetta” altri blogger, la rete che cita se stessa e bla… bla… bla…ma io me ne frego!

è il turno di “Diegod56′ s Blog”, capace di educare chiunque ad un uso diplomatico della finestra “commenta”,  spesso preda dei troll che infestano la rete.

 purtroppo io facilmente fraintendo i buoni consigli, quindi mi correggo…”quasi chiunque”.

 visita settimanale umanistica consigliata.

 

 

fateci un salto ogni tanto.

tutti i blogger vogliono diventare famosi!


eh sì,  in fondo si scrive per esser letti. il blogger non lo ammetterà mai, ma la psicosi da “quanti mi hanno letto oggi” è la prima gabbia mentale nella quale si rischia di finir prigionieri senza neppure accorgersene.

purtroppo la triste realtà è che per avere molte visite spesso si debba ricorrere a trucchetti, chiamiamoli così: banalità estreme travestite da riflessioni profonde solo grazie all’ utilizzo di termini aulici, sfruttare qualsiasi tragedia, perchè si sa, i morti fanno sempre audience, e ovviamente, far credere di avere sempre ragione e non ammettere mai che a volte si son prese lucciole per lanterne.

vabbè, ma torniamo alla mia nuova categoria sul blog.

non darò certo giudizi sulle competenze, sulla buona o cattiva fede e sul grado di umanità in generale di questi miei “colleghi”. semplicemente cercerò attraverso la satira disegnata d’ influenzare il processo di “miticità” di questi interessanti, curiosi e a volte “antipatici” protagonisti del web. spero che nessuno se la prenda, in fondo è pubblicità gratuita la mia… solo uno stupido non lo capirebbe. 

voglio dare il mio personale contributo affinchè sia più rapida l’ ascesa al successo di queste future star, perchè in fondo internet è il futuro… no? 

comincerò dalla blogger che spesso è stata capace di stupirmi, nel bene e nel male, di rubarmi una risata e di accellerare “giramenti di balle” ai limiti della sopportazione scrotale. in effetti dubito anche d’ essere un “benvenuto” sul suo blog, ma vabbè, non è questo il punto.

a scanso di equivoci la mia satira ovviamente sarà incentrata sul “personaggio” e non sulla “persona”.

ho già parlato troppo.

se riuscirò, un blogger alla settimana.

Galatea, da “Il nuovo mondo di Galatea“: colei che i complottisti son tutti grulli.