prometheus. darwinismo xenomorfo.


ridley scott tra un gladiatore, un truffatore e crociati deve aver rimuginato molto. sì, rimuginato sul fatto che quel furbastro di lucas s’è rimpinguato le tasche e creato nuovo proselitismo sempre con lo stesso stufato “stellare” per almeno altri 50 anni tra rimasterizzazioni e director’s cut. e si deve essere chiesto perchè lui continuava a sbattersi saltando da un genere all’ altro volendo dimostrare che è bravo in qualunque sfida cinematografica si proponga. in effetti lo è, in fondo il miracolo di aver resuscitato una decina di anni fa il genere peplum non è roba di poco conto.

comunque alla fine una risposta se l’ è data. ok, farò come lucas. ma togliendosi anche qualche sassolino. sì, perchè credo che non abbia mai digerito molto bene il fatto che la sua rinuncia a voler spolpare fino all’ osso i suoi capolavori fantascientifici, non abbia invece frenato registi meno illuminati di lui dal farlo. deve aver pensato almeno una volta ” guarda ‘sti senzaidee che cazzo di spezzatino stanno facendo con il mio ALIEN!”.

e quindi arrivò il giorno di “prometheus”. spacciato per il non-prequel di Alien ma che poi lo è, eccome se lo è. con qualche spolverata di misticismo, mito e filosofia esistenzialista in più. gira voce di una trilogia

a lucas gli sarà venuto un colpo.

il bello però è che scott ha completamente rimescolato le carte, in modo da far sembrare obsoleta la sua vecchia creatura aliena, spezzando così il collo con un solo gesto a tutti i futuri registi che pensavano di poter risplendere di luce riflessa rimasticando l’ ALIEN.

ovviamente se pensavate che raccontassi qualcosa del film, come al solito non avete ancora capito il mio metodo, una cosa però ve la dico. il pianeta dove si svolge prometheus è LV 223, quello in cui si svolgono ALIEN e ALIENS è LV 426. quindi NON è lo stesso pianeta e non é la stessa astronave. avvisati eh!

un dubbio però mi assale, che ridley non digerisca le SEPPIE?

i primi 20 minuti meritano da soli il prezzo del biglietto 3D

attenzione SPOILER: ma Giger lo sa di ‘sta cosa?

clicca per vedere la mia vignetta su “cinemabendato.it

Annunci

“alienDiesel”. Papibulldozer version.


fotografia elaborata. Autore: PAPIBULLDOZER, cioè me stesso.

così, metti un mi piace se ti piace…

sì, perchè sulla bacheca di facebook della Diesel me l’ hanno censurata. chissà perchè poi. ricordo ancora quando una decina di anni fa il loro sito era blindato più che mai, potevi solo navigarci dentro, ma che non ti venisse l’ idea malsana di contattarli, perchè era impossibile. ma non è proprio la Diesel che millanta di promuovere artisti e compagnia bella? poi uno come me gli posta una bella locandina POP in perfetto stile aziendale, e loro cosa fanno? la eliminano in  1 secondo neanche avessi scritto DieselMerda!. bé, certo bisogna capirli. chissà quanto pagheranno facebook per avere una pagina commerciale! che diritto ho io di “rubare” loro un post sulla bacheca? però devo anche dire che se Diesel funziona è proprio perchè ha lasciato in mano le sue campagne pubblicitarie proprio a gente come me. ma capisco tutto… io la mia locandina l’ ho fatta gratis solo per il piacere di farla. già, se una cosa è gratis, allora non vale un cazzo! me lo devo ricordare.

adesso vado a farmela stampare sulla maglietta, perchè comunque l’ immagine è mia. non “Diesel”… ma “alienDiesel”, che mi garba pure di più.